PHOTO and VIDEO software and equipment

YouTube Facebook Instagram Twitter Pinterest eMail
For up to £250 Bonus for sports, use our exclusive bet365 Bonus www.abonuscode.co.uk Claim your bonus and start betting at bet365 now.

Tutorial Lightroom CC - #1 INTERFACCIA

Prima di cominciare a usare Adobe Photoshop Lightroom, diamo un'occhiata all'interfaccia e impariamo a muoverci nel suo ambiente di lavoro, per essere subito produttivi.

 

Oggi iniziamo con una veloce panoramica rimandando ai prossimi video un’analisi più approfondita su tutti gli strumenti che ci vengono messi a disposizione.

Fin dalla sua prima apparizione, Lightroom ha un'interfaccia divisa in ambienti di lavoro sequenziali che rappresentano il flusso di lavoro eseguito da un fotografo.

L'ambiente di lavoro è stato concepito per permettere ai fotografi di eseguire tutti quei passaggi che normalmente svolgevano con la fotografia tradizionale.

Per questo motivo Lightroom è stato suddiviso in sette ambienti di lavoro: libreria, sviluppo, mappa, libro, presentazione, stampa e web.

Ogni ambiente serve a eseguire una serie specifica di compiti, che vedremo ora velocemente e che approfondiremo nei successivi tutorial.

Libreria

L’ambiente di lavoro LIBRERIA è in pratica un archivio per ordinare e organizzare le foto  e fare piccole correzioni di colore con le funzioni messe a disposizione dal pannello sviluppo rapido.

L’interfaccia è organizzata in tre sezioni verticali e in una orizzontale.

Questo vale per tutti gli ambienti di lavoro del programma. 

Al centro è presente l'area di lavoro; nel caso dell'ambiente di lavoro libreria, troverete le anteprime di tutte le foto, che possono essere ingrandite a piacimento, fino anche a vedere una sola foto.

Nella zona in basso, detta area provino, sono invece disponibili tutte le foto a scorrimento orizzontale. 

L'area provino è anche l'unica presente senza variazioni in tutti gli ambienti di lavoro del programma. 

Sul lato sinistro troviamo le funzioni per gestire il catalogo, l'organizzazione delle cartelle e le funzioni di condivisione via internet.

Sulla destra sono presenti le funzioni di sviluppo rapido che consentono l'applicazione veloce delle correzioni cromatiche e tonali a una o più foto contemporaneamente senza chiudere l'ambiente di lavoro libreria.

Tutte le correzioni cromatiche e tonali eseguite nell'ambiente di lavoro libreria saranno mantenute anche nell'ambiente di lavoro sviluppo.

Sotto gli strumenti di sviluppo rapido sono presenti le opzioni per la gestione delle parole chiave e dei metadati, molto importanti per tenere ordinato il proprio archivio.

 

Sviluppo

L'ambiente di lavoro SVILUPPO è sicuramente il più importante del programma e il più utilizzato. 

Si tratta della versione digitale della camera oscura: qui effettuerete le operazioni di sviluppo dei vostri file, eseguendo tutte le correzioni necessarie per ottenere il risultato desiderato.

Come sempre, anche in questo caso abbiamo un ambiente diviso in tre aree verticali e una orizzontale sotto, le singole foto nell'area provino. 

In alto a sinistra troviamo il navigatore.

Questa funzione permette di scegliere il livello d’ingrandimento dell’immagine ( adatta allo schermo, riempi, 1 a 1, 3 a 1) e di selezionare l’area interessata. 

Un click all’interno dello schermo consente di cambiare lo zoom da schermo intero all’ultimo ingrandimento selezionato.

Premendo il tasto “f” la visualizzazione della foto passerà a schermo intero molto comodo per vedere il risultato ma non altrettanto per lavorare sulla foto perché spariranno tutti gli strumenti. 

Premendo di nuovo il tasto “f” torneremo alla visualizzazione normale.

Con la barra spaziatrice invece passeremo all’ultimo ingrandimento selezionato e ripremendola torneremo alla visualizzazione precedente.

Sotto il navigatore, nella colonna di sinistra trovi alcuni strumenti (raccolti in pannelli) non direttamente legati all’editing.

Tra questi i predefiniti, cioè impostazioni di sviluppo che il fotografo può salvare e applicare a più immagini, e le raccolte che sono gruppi virtuali di immagini le cui posizioni sul disco possono essere diverse ma che il fotografo desidera raggruppare concettualmente.

Nella colonna di destra in alto è posizionato l’istogramma che mostra come distribuita l’informazione tonale sull’intera foto. 

(vedremo in tutorial dedicato come interpretarlo).

Subito sotto vengono mostrate le informazioni più importanti di scatto 

(ISO, focale, diaframma e tempo di esposizione) oppure, portando il mouse all’interno della foto, le coordinate RGB del punto selezionato. 

Sempre nella colonna di destra, sotto l’istogramma, troviamo gli strumenti di carattere generale (ritaglio, correzione occhi rossi, rimozione macchie e altro che vedremo in seguito nel dettaglio.

Sotto gli strumenti di carattere generale infine troviamo tutti gli strumenti di sviluppo raccolti in nove pannelli specifici che possono essere nascosti per ottimizzare lo spazio.

Mappa

L'ambiente di lavoro MAPPA ha la struttura degli altri ambienti di lavoro, ma consente di geotaggare le fotografie su una mappa. 

Molte macchine fotografiche hanno un'antenna GPS incorporata, Lightroom riesce a leggere questi metadati e a posizionare le foto scattate sulla mappa. 

Come vedremo più avanti, anche se la vostra macchina fotografica non è dotata di un’antenna GPS, potrete assegnare manualmente le foto a una zona precisa della mappa.

Libro

L'ambiente di lavoro LIBRO consente la creazione di libri fotografici che è possibile salvare in formato pdf, jpeg oppure inviare in stampa tramite un servizio offerto, che troverete integrato nel programma. 

Questo servizio provvederà a produrre il libro e a inviarcelo a casa. 

Presentazione

Con l’ambiente di lavoro PRESENTAZIONE potrete presentare il vostro servizio fotografico con slide show usando i pannelli presenti sulla sinistra dello schermo e modificandoli con gli strumenti presenti sulla destra. 

E’ anche possibile aggiungere un sottofondo musicale. 

Stampa

Il sesto ambiente di lavoro di Photoshop Lightroom è STAMPA, interamente dedicato alla stampa delle foto. 

Sulla sinistra troverete diversi modelli da usare, sia per stampare foto singole, sia per stampare dei provini a contatto con diverse foto sulla stessa pagina, eventualmente aggiungendo delle didascalie.

Al centro potrete vedere un'anteprima della pagina che uscirà dalla stampante, mentre a destra sono presenti tutte le scelte di personalizzazione, come il colore della carta, l'apposizione di una filigrana e molto altro.

Web

Nell'ambiente di lavoro WEB, troverete tutto il necessario per creare un mini-sito web con le foto che deciderete di usare. 

 

Come per gli ambienti di lavoro stampa e presentazione, sulla sinistra si trovano alcuni modelli pronti all'uso, mentre sulla destra sono presenti i pannelli dedicati alla personalizzazione del sito.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna